fbpx
DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ

8:30/19:30 ORARIO CONTINUATO

+39 0171 64416

info@centromedicoeuropeo.it

Corso IV Novembre,

12100 CUNEO

Seguici su

Dott. Flavio Polliano

CHIRURGIA ORTOPEDICA DEL PIEDE

Chirurgia del Piede e della Caviglia

Formazione: Laurea in Medicina e Chirurgia, Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia.

2016

PBS – PERCUTANEOUS BIANCHI SYSTEM

Associato.

dal 2016

Associazione Professionale Dr. Andrea Bianchi e Associati, Perugia

Associato.

2015

Clinica S. Rita di Vercelli – Policlinico di Monza

Consulente di medicina e chirurgia del piede dell’ adulto e del bambino – associato a gruppo di ortopedia e traumatologia generale

2014-2015

Ospedale di Albenga – Gruppo GSL

Consulente di medicina e chirurgia del piede dell’adulto e del bambino – responsabile unico per la chirurgia del piede

2012-2015

Istituto dell’Università di Medicina Sophia Antipolis, Nizza

Docente corso di dissezione e anatomia ragionata chirurgica associato al corso di chirurgia plastica – Koru Plastic, per tecniche correttive di chirurgia del piede tramite chirurgia mininvasiva, percutanea e open.

2004-2013

Ospedale S.Giuseppe di Cairo M.tte

Consulente di medicina e chirurgia del piede, responsabile unico per la chirurgia e dell’ambulatorio di medicina e chirurgia del piede e piede diabetico e attività relative.

2000-2003

Ospedale di Savona

Aiuto c/o il reparto di ortopedia e traumatologia e Responsabile dell’ambulatorio di medicina e chirurgia del piede e relativa attività chirurgica (in collaborazione con altro collega)

2000-2014

EFAS – European Foot & Ankle Society

Associato.

2000-2014

Società Italiana di Chirurgia del Piede

Associato.

2000-2014

Società di studio di chirurgia mininvasiva – G.R.I.S.M.I.P.

Associato

2000-2014

Université de Montpellier

Master in chirurgia del piede.

Formazione

1999: Università di Genova, Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia
1993: Università di Genova, Laurea in Medicina e Chirurgia

 

ALLUCE VALGO NO PROBLEM

PBS –  Tecnica Percutanea Mininvasiva 

L’alluce valgo è una deformità dell’avampiede ben conosciuta specie alle donne con nomignoli tipo “nocetta”, “patata”, “cipolla” che ben indicano la realtà della situazione. Questa “noce” che non sta nella scarpa, si arrossa sfregando nella tomaia, impedisce realizzare il sogno di utilizzare una scarpa sì funzionale ma esteticamente soddisfacente ed appagante.

Finalmente la chirurgia è riuscita a dare una valida risposta a questo problema.

Negli ultimi anni infatti si è affermata la tecnica PBS, intervento mininvasivo percutaneo, capace di apportare correzioni delle deformità scheletriche digitali, grazie a gesti chirurgici semplici e precisi, attraverso miniaccessi percutanei (“i buchini”),  senza l’ausilio di mezzi di sintesi (chiodi, cambre, viti, etc.), in anestesia locale, permettendo l’appoggio del piede il giorno stesso dell’ intervento.

Queste caratteristiche hanno così migliorato non solo le tempistiche dell’intervento, meno della metà del tempo utilizzato in un intervento tradizionale, ma anche il rispetto delle strutture nobili articolari e tessutali (capsula, legamenti, tendini, nervi) che non vengono interessati dal gesto chirurgico.

Il periodo di guarigione post operatorio è decisamente ridotto e molto meno doloroso addietro, proprio grazie al carico immediato e alle minime o in alcuni casi assenti possibili complicanze come edemi declivi minimi, praticamente nulle le complicanze vascolari.

Quindi alcune risposte alle classiche domande poste dalle pazienti in procinto di affrontare questo intervento :

  • In quanto tempo guarisco ? : 3 / 4 settimane, tempo di guarigione di una piccola frattura metatarsale
  • Posso camminare subito? : certo! Il carico è immediato, non possibile ma richiesto, naturalmente con una scarpa apposita rigida e piatta; già alla terza settimana è possibile l’uso di una calzatura normale comoda
  • Mi farà tanto male? : il dolore è molto personale, ma nel post operatorio, solitamente, le nostre pazienti utilizzano semplicemente del Paracetamolo e del ghiaccio
  • L’alluce valgo mi ritornerà? : i buoni risultati sono del 97 /98 % con una percentuale di recidiva del 2 / 3 %, assolutamente accettabile per qualsiasi tecnica chirurgica
  • Devo affrontare una degenza lunga o anestesie spinali : il ricovero è di un giorno e l’anestesia è locale.

Visti questi presupposti si può a ragione affermare che ad oggi l’alluce valgo non deve più spaventare come un tempo e l’intervento deve essere affrontato con le migliori prospettive di guarigione e riuscita, supportato anche dal punto di vista scientifico dalla esperienza di oltre 50.000 casi trattati.

Inoltre il carattere ingravescente della patologia “alluce valgo”, che nel tempo si associa alle caratteristiche dita a martello, metatarsalgie plantari, così dolorose ed invalidanti, suggerisce di non attendere troppo ad affrontarne la correzione chirurgica : “più il tempo passa, più grave il problema, più impegnativo l’intervento”.

In conclusione : PBS correzione innovativa per un alluce No Problem !

 Altri interventi:

metatarsalgie, dita a martello, pseudoneuroma di Morton, protesi di caviglia in artrosi grave (intervento open).

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.